LIBERALIZZAZIONI: IMPATTI SU SOCIETÀ E CLASS ACTION

Nell’ambito del recente decreto Cresci – Italia, sono numerose le disposizioni che, lontane dai clamori mediatici, contengono spunti di riflessione molto interessanti.
La prima è quella di cui all’art. 2 (Tribunale per le Imprese), che vede la devoluzione di una serie di controversie alla competenza delle Sezioni specializzate per la proprietà industriale, le quali diventeranno “Sezioni specializzate in materia di imprese”; tra queste segnaliamo le azioni di responsabilità nei confronti, tra gli altri, degli amministratori e degli organi di controllo delle società di capitali.
La seconda è quella di cui all’art. 6 (Norme per rendere efficace l’azione di classe), che subordina la promozione della class action all’esistenza di diritti non più identici, ma “del tutto omogenei” dei consumatori.
Vedremo se nel corso dell’iter parlamentare di conversione del decreto ci saranno delle novità e dei cambiamenti, soprattutto con riferimento alla norma in tema di class action, in relazione alla quale,forse, le associazioni dei consumatori si sarebbero aspettate una formulazione ancora  più coraggiosa.

Seguimi su Twitter! @_andreamaura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere